Chi è Giulia Manzini

Sono nata nel 1986 in una famiglia di attori e registi teatrali: i miei genitori sono due dei quattro soci fondatori della compagnia bergamasca Pandemonium Teatro. Sono cresciuta in teatro come se fosse la normalità – cosa che in verità non è – in una famiglia che ha fatto del teatro la sua professione e la sua vita.

Da questo punto di vista sono nata in un mondo privilegiato perché, a differenza di quello che può capitare ad altri, nessuno mi ha mai riso in faccia quando ho detto che volevo fare l’attrice. D’altra parte i miei genitori sono arrivati alla pensione facendo gli attori, perciò non ho mai visto il vivere di questa attività come una cosa impossibile. Tutt’altro, era la normalità.

Il rovescio della medaglia è stato che crescendo mi sono scontrata con la necessità di andare al di là della compagnia dei miei genitori e del teatro in sé.

La mia carriera di attrice inizia già a dieci anni, età in cui sono stata iscritta all’ENPALS e ho avuto il mio debutto sul palcoscenico con uno spettacolo nel quale andavo in scena insieme a mia madre.

La mia intera formazione professionale deriva dall’amore per il teatro che mi ha trasmesso la mia famiglia e grazie al quale oggi ho sviluppato tutte le esperienze e le professionalità che possiedo. Naturalmente mi sono formata oltre le competenze strettamente teatrali che avevo appreso grazie al lavoro con la compagnia Pandemonium, ecco perché ho iniziato a frequentare corsi e workshop e sono venuta in contatto con il mondo del video.

Ed è proprio grazie al mondo dei video che ho iniziato a posare per i fotografi, infatti dalla necessità di presentare un book fotografico alle selezioni degli attori ho avviato diverse collaborazioni con molti fotografi che sono poi proseguite negli anni.

Inizia così, incidentalmente, anche la mia carriera di modella.

Oggi continuo a vivere in tutti questi mondi e continuo a lavorare in teatro, faccio il mestiere di attrice e sono orgogliosa di avere ottenuto alcune parti anche in prodotti cinematografici noti, faccio l’insegnante di ballo e mi auguro di poter seguire le orme della mia famiglia potendo arrivare anche io all’età della pensione senza dover rinunciare al mestiere che amo.

Foto di scena del primo spettacolo professionale della mia carriera: “La Mucca e l’Uccellino”.
Anno 1996

Backstage dal set del film “Gli Sdraiati”, regia di Francesca Archibugi, con Claudio Bisio e Massimiliano Loizzi.
Anno 2017

Contattami

Compila il form per essere ricontattato.